Dolori reumatici, scottature e cuperose: curarsi con l’olio di tamanu

Contro varici, herpes, punture di insetti, tendiniti, distorsioni, per la prevenzione di trombosi… L’olio di tamanu sembra essere un rimedio naturale a 360 gradi.
Vediamo di cosa si tratta.
L’olio di tamanu (callophyllum inophilum) è ottenuto per pressione a freddo del nocciolo del frutto essiccato.

Allo stato vergine è di colore verde-bruno, tendente al marrone, con un gradevole aroma caratteristico. Al contrario di altri olii che durante la raffinazione non perdono molte delle loro proprietà, per l’olio di tamanu è necessario che sia vergine affinchè conservi inalterate le sue straordinarie proprietà terapeutiche. Tradizionalmente utilizzato in Polinesia per il trattamento di diversi problemi di salute (è usato anche negli ospedali in forma appropriata), l’olio di tamanu è stato al centro di ricerche universitarie che gli hanno riconosciuto diverse proprietà medicinali, in particolare anti-infettive, anti-infiammatorie e cicatrizzanti. Le proprietà protettrici favoriscono la cicatrizzazione dei tessuti rigenerando le cellule dell’epidermide e delle mucose. Grazie al suo effetto anti-infiammatorio, l’olio di tamanu puo’ contribuire ad alleviare i dolori reumatici, le lombalgie e le sciatalgie, soprattutto in associazione con determinati olii essenziali. Usato esternamente, protegge efficacemente i piccoli vasi capillari ed è consigliato per prevenire e curare i problemi di couperose. Sulle pelli sensibili l’olio di tamanu ha un effetto leggermente lubrificante e dà una sensazione di calore.
I risultati migliori dell’olio di tamanu si sono osservati in applicazione locale sulle scottature non infette e i colpi di sole; diluito con un altro olio, ad esempio 90% olio di cocco e 10% olio di tamanu si è dimostrato efficace su certi tipi di eczema e per i problemi di varici; gli effetti cicatrizzanti ed anti-infiammatori si aggiungono ad un leggero effetto anticoagulante in grado di contribuire alla prevenzione delle trombosi. Utile contro herpes, punture d’insetti, lesioni acneiche e in massaggio sulle articolazioni dolorose, le tendiniti, le distorsioni, i dolori muscolari. In questi ultimi casi è preferibile diluire l’olio di tamanu a 20% in un altro olio di massaggio.
E’ indicatissimo per reidratare e revitalizzare le pelli secche o danneggiate, perché nutre e protegge dagli agenti esterni.
Nella cura dei capelli, gli sono riconosciute proprietà anti-caduta e nutrienti. Applicato insieme all’olio di cocco o di sapote, rende i capelli brillanti, morbidi e facili da pettinare. Si può aggiungere anche al gel doccia, bagnoschiuma o shampoo nella misura di un cucchiaio per 250 ml di prodotto.

Se hai trovato interessante questo post condivi su twitter, facebook o anche per e-mail con i tuoi contatti: trovi i bottoni appena sotto il post. Grazie :).

4 pensieri riguardo “Dolori reumatici, scottature e cuperose: curarsi con l’olio di tamanu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: