Come preparare i vasetti per le conserve

Il confezionamento delle marmellate, delle confetture e delle conserve in generale è molto delicato e richiede una certa dose di attenzione al dettaglio.

In realtà è una fase preventiva, nel senso che, nel momento dello spignattamento della marmellata o di una conserva qualsiasi da mangiare o spalmare che sia, i vasetti devono essere pronti.

Come promesso nel post sulla confettura di ciliegie, vediamo ora come preparare i vasetti per le conserve.

Prima di tutto occorre togliere le etichette, nel modo ottimamente descritto da Marinella che è anche il modo in cui le tolgo io.
In seguito è buona norma sterilizzare i vasetti in modo che la conservazione del preparato risulti più sicura.
Per sterilizzare i vasetti basta bollirli in un pentolone completamente ricoperti di acqua per almeno 30 minuti.

Di seguito, altri accorgimenti importanti:

1. quando apriamo per la prima volta il vasetto che abbiamo deciso di riciclare per consumare l’alimento contenuto dobbiamo fare molta attenzione a non forzare il coperchio. In caso di forzatura, infatti, il coperchio perde la sua capacità di fare il sottovuoto e quindi di conservare gli alimenti. Nel caso in cui dovesse succederci di non riuscire proprio ad aprire il vasetto e di doverlo forzare per forza, quando abbiamo finito di consumare l’alimento che c’è dentro ricordiamoci di buttarlo via o comprare un tappo nuovo su misura.

2. subito dopo la realizzazione della conserva, il preparato va versato subito bollente nel vasetto e chiuso immedietamente, quindi capovolto e lasciato raffreddare su una base di legno. In questo modo si realizza infatti il sottovuoto.

3. Nel caso in cui non sia possibile versare il preparato bollente nel vasetto, il sottovuoto può essere realizzato posizionando il vasetto con la conserva ben chiuso dentro un pentolone ricoperto di acqua e portandolo a ebollizione e lasciandolo bollire anche in questo caso per almeno 30 minuti.

Ricordarsi di dotare ogni vasetto della sua etichetta, inserendo tipo di conserva, ingredienti e data di confezionamento : ))).

Se questo post ti è piaciuto e lo ritieni utile non esitare a condividerlo su Fb, su Twitter o altrove usando gli appositi tasti che vedi sotto il post.

Se sei una casalinga esperta ed hai consigli, indicazioni e ragguagli da darci… siamo tutt’orecchie, buttati e lascia il tuo commento. I consigli utili sono graditissimi : ))).

11 pensieri riguardo “Come preparare i vasetti per le conserve

  • 26 giugno 2011 in 9:13
    Permalink

    Molto utile mashaa Allah, jazaki Allahu khairan!

    Mi intrometto per ulteriori consigli, insha Allah. I vasetti si possono sterilizzare anche in forno, ad una temperatura di circa 120° per mezz'ora (io di solito li lascio il tempo della preparazione della conserva). E' importantissimo utilizzare tappi perfettamente integri: se vedete un'ammaccatura o una deformazione o se avete un dubbio, buttate il tappo! Anche il corretto riempimento è importante ai fini della conservazione: bisogna evitare di riempire fino all'orlo (se no non si crea il sottovuoto) oppure di lasciare troppo spazio. Circa 5 mm dovrebbero bastare nel caso delle marmellate/confetture. Ah! Appena dopo aver versato il contenuto nel vasetto, con il manico di un cucchiaio di legno fate uscire le bolle d'aria che inevitabilmente si formeranno…anche questo potrebbe compromettere la corretta conservazione. Un altro accorgimento nel caso di sterilizzazione a caldo (punto 3 citato nel post): porre i vasetti a bollire, avvolti da stracci (potrebbero rompersi, sbattendo l'uno contro l'altro).

    L'ultima cosa: qualsiasi cosa abbiate preparato ed invasato, sarebbe meglio attendere un mesetto per la sua consumazione. Ne guadagna in gusto, ve lo assicuro! *smile*

    Muslima housewife!! (molto house e poco wife, al hamdulillah, ehehehe….)

    Risposta
  • 26 giugno 2011 in 13:57
    Permalink

    Un modo per sterilizzare a caldo senza dover bollire: riempiti i vasetti, si mettono tutti insieme in un catino (o cesto, scatola ecc.) avvolti in una coperta di lana. Il calore si mantiene molto bene, e dopo 24 ore si vedrà che i vasetti sono ancora caldi, se sono stati ben isolati dall'esterno. Questo è il metodo che usava la mia nonna e che usa ancora mia madre, e per esperienza più che ventennale posso dire che funziona! 🙂

    ila

    Risposta
  • 26 giugno 2011 in 18:57
    Permalink

    Wa aleikum salam wa rahmatullahi wa barakatuhu…um Muhammad!! Non fare la svogliata, è mooooooolto più semplice di quanto sembri produrre conserve in casa. Ma ti pare che la sottoscritta, che rifugge dalle ricette complicate e laboriose, le produrrebbe se non richiedessero poco tempo e fatica?! Naaaaaaa!!! *smile*

    Grazie per la dritta, Ila!
    ps: sto andando a postare la ricettina del latte condensato…

    Risposta
  • 26 giugno 2011 in 20:32
    Permalink

    Grazie Muji e Ila per i vostri utilissimi consigli.
    E barakallahu fik Um Mohammed al Mahdi che insha Allah ci farà presto assaggiare le sue marmellate!!!
    <3

    p.s. troppo contenta del nuovo blog di cucina di khadija…

    <3 <3 <3 masha Allah!! <3 <3 <3

    Risposta
  • 27 giugno 2011 in 11:03
    Permalink

    "Anche il corretto riempimento è importante ai fini della conservazione: bisogna evitare di […] lasciare troppo spazio".

    Come si vede dalla foto, per banane e limone e mela e pesca i vasetti erano troppo grandi rispetto alla quantità che avevo prodotto…

    Muji, vuoi sapere com'è andata?? Altro che aspettare un mese! La marmellata di banane è già finita e quella di mele e pesche sta a metà!

    …Penso che, se davvero voglio provare a vedere quanto mi durano le conserve, ne devo fare un sacco di chili!!!

    Risposta
  • 27 giugno 2011 in 13:56
    Permalink

    assalamu alaykum

    grazie per il vostro sostegno! LOL! Pero' volevo sapere, si deve fare per forza sto sottovuoto? Se di marmellata ne faccio poca poca per prova?

    ((ditemi di si please))

    Risposta
  • 27 giugno 2011 in 14:07
    Permalink

    wa aleikum assalem wa rahmatullah,
    sììì ukhti, se tieni la marmellata in frigo e te la mangi subito, diciamo nell'arco di circa 15 giorni al max.
    Però, come diceva Muji, mangiata dopo un po' è più buona ;).
    …Ad arrivarci ))).
    wassalem

    Risposta
  • 27 giugno 2011 in 19:36
    Permalink

    Passo per un saluto e per invitarti a partecipare ad un carinissimo e "prezioso" giveaway per festeggiare l'arrivo ufficiale dell'estate!!!
    Trovi il regolamento e le info qui!
    Sei la benvenuta!

    Risposta
  • 28 giugno 2011 in 13:23
    Permalink

    Grazie mille Veronica, ho lasciato un commento da te!
    *smile*

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: