6 regole base per un utilizzo consapevole degli oli essenziali

Per la nuova sezione “I pericoli del fai da te” mi preme, molto brevemente, sottolineare alcuni punti importanti sull’utilizzo degli olii essenziali.
Si tratta di informazioni e accorgimenti che dovrebbero essere noti a chiunque si avvicini al mondo della cosmesi fai da te, vista la presenza di olii essenziali anche negli spignatti più semplici.

Tuttavia ci si accorge spesso che così non è: sono molte le ragazze incaute che si arrischiano nell’utilizzo di oli essenziali puri o in dosi eccessive sulla pelle o sul cuoio capelluto e questo può essere molto pericoloso e portare danni di salute irreparabili.
Non è per essere allarmista, ma per invitare le lettrici di questo blog alla sperimentazione spinta, certo, ma con criterio e consapevolezza.
Come abbiamo già ricordato, prima di sperimantare una ricetta è bene informarsi online, cercare riscontri e testimonianze e, come diceva Marianna, è buona norma provare la mistura realizzata in una piccola porzione di epidermide, per vedere se si provocano reazioni allergiche o sensibilizzazioni.

Per il momento ho individuato sei regolette base a cui attenersi per non varcare il limite sicurezza. Vediamo quali sono.

1. Un olio essenziale si utilizza nella dose giusta. Un sovradosaggio non aumenterà i suoi effetti benefici e potrebbe invece essere molto pericoloso, proprio come succede con le medicine.

2. Fare attenzione alle precauzioni d’uso.
Ci sono infatti oli essenziali che hanno un effetto sul sistema ormonale e sul sistema nervoso.
Alcuni oli possono essere addirittura abortivi come l’olio di timo, altri ancora possono essere epatotossici, fotosensibilizzanti (e cioè causare antiestetiche macchie durante l’esposizione solare) e  dermocaustici (causare cioè ustioni sulla pelle).

3. I componenti degli oli essenziali utilizzati per via esterna (sulla pelle) passano anche nella circolazione sanguigna e nel sistema linfatico. Quindi, quando ci spalmiamo con olii essensiali, è proprio come se li ingerissimo. E degli effetti e rischi dell’utilizzo delle piante medicinali per via orale abbiamo già parlato.

4. L’uso degli oli essenziali per occhi e mucose è da evitare.

5. Utilizzare gli oli essenziali può presentare inoltre rischi importanti per le donne incinte e in età adolescenziale, così come per persone affette da alcune particolari patologie (cancro, malattie ormonali etc.). In questi casi è quindi necessario consultare uno specialista prima dell’utilizzo.

6. Di fronte alla crescente richiesta è possibile che ci si imbatta in olii essenziali non puri o peggio di sintesi, occorre quindi essere vigilanti sulla qualità, richiedendo ragguagli sul nome botanico in latino nel caso in cui non sia espresso in sede di vendita.

Le cose da dire sarebbero ancora molte, ma per il momento è tutto. Per ulteriori informazioni vi lascio il link ad un interessantissimo topic di Valeria su Compro e spignatto.

6 pensieri riguardo “6 regole base per un utilizzo consapevole degli oli essenziali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: