Pomata lenitiva fai da te all’ossido di zinco

Zanzare, peli incarniti, irritazioni.

Generalmente corri in farmacia e ti fai dare un tubetto con promessa miracolosa allegata.
Il tubetto sarà paraffina almeno al 50%.

Le soluzioni ecobio ci sono.
La migliore è sicuramente quella di prodursi in casa la propria pomata lenitiva e farsela come meglio ci aggrada.
E non è per niente difficile! Davvero!

Vediamo come.

Prendendo ispirazione dalla ricetta di Carlita, ho cercato di realizzare un analogo con quello che avevo in casa e con i nuovi prodottini del sito polacco.

 

Ingredienti:

cera d’api 6
burro karité al cacao 20
burro mango 20
burro cocco 12
olio di riso 15,4
oleolito chiodi di garofano 15
ossido di zinco 8
bisabololo 1
tocoferil acetate 1
pantenolo 1
conservante eco bio DHA-BA  0,6
OE 5 gtt. (lavanda e menta)


 Nella foto:

Gelato nocciola, yogurt e panna?
Ma no!! E’ il mio mix di burri:
burro di karitè al cacao, burro di cocco e burro di mango. Belli vero?

Andiamo avanti e vediamo in che momento della preparazione occorre inserire i burri.

Preparazione:

Metti l’olio di riso (o meglio ancora di mandorle, se ce l’hai) in un bicchiere, aggiungi l’ossido di zinco e gira, fino a formare una pasta omogenea, senza più granelli. A questo punto aggiungi la cera e metti il bicchiere a scaldare a bagnomaria. Continua a mescolare. Quando la cera è completamente sciolta aggiungi i burri e spegni, sempre continuando a mescolare.
Quando i burri sono sciolti, togli dal bagnomaria e mescola fino a quando il preparato non inizia a raffreddarsi. A questo punto aggiungi tocoferolo e oleolito.
Infine, quando la pasta è fredda, aggiungi pantenolo, bisabolo, conservante e O.E..

Commenti:

La pasta è venuta meno densa di come doveva venire, probabilmente perchè – per arrivare a 100 – ho sostituito il gel d’aloe che non avevo con gli olii.
Il colorino non è completamente bianco ma color cappuccino, e questo è dovuto al karitè al cacao che ho messo. Durante la preparazione si sentiva un buonissimo profumino di cacao che faceva venire voglia di mangiarseloe anche adesso, quando te lo spalmi, la prima cosa che senti è proprio il cacao: ti vien voglia di mangiarlo :).
Poi l’oleolito ai chiodi di garofano che mi è venuto bello forte ha coperto tutto, perfino l’odore degli O.E. !!

Effetti previsti:

L’olio ai chiodi di garofano ha proprietà antisettiche, antibatteriche e anti-infiammatorie, ci si attende un effetto sinergico con ossido di zinco e lavanda.

Per approfondire ti propongo ora un altro post su una variante con una percentuale maggiore di ossido di zinco, leggilo!


Pomata all’ossido di zinco da Il macaone.

 

14 pensieri riguardo “Pomata lenitiva fai da te all’ossido di zinco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: