Crema viso fai da te contro il torpore invernale

crema-agrumi

E’ una ricetta abbastanza classica di crema viso fai da te, la particolarità sta nel fatto che ho deciso di utilizzare oli essenziali agli agrumi in una crema viso, cosa che in genere non dovrebbe farsi, in quanto gli oli essenziali agli agrumi sono fotosensibilizzanti e, se poi esponiamo la pelle al sole o a troppa luce, si rischia di ritrovarsela macchiata.

Delle precauzioni d’uso degli oli essenziali abbiamo già parlato e quindi non mi dilungo.

Questa è dunque una crema “d’inverno” per gente che, come me, non si espone al sole.
Chi mi conosce sa cosa intendo ; ).
…No, non sono un vampiro… cosa mai andate a pensare O.o!

Comunque, con le dovute avvertenze questa crema viso fai da te l’ho anche regalata a poche persone fidate, anche perchè le gocce di olio agrumato sono talmente poche da essere innocue.

Il profumo leggero di arancia e pompelmo, rigenerante ed energizzante, unito a quello dell’acqua di rosa alimentare fanno di questa crema un ottimo rimedio aromoterapico contro il torpore invernale… Effettivamente mi ci vuole proprio, di questi tempi. E a te?

Certo, hai ragione, meglio aromaterapizzarsi con un balsamo per capelli o una crema corpo, ma arriveranno anche quelli seDiovuole, non ti preoccupare ; )

Cerco di cavarmela un po’ come posso, per affrontare il duro inverno sonnecchione ; ))).

Ricetta crema viso fai da te contro il torpore invernale

Gli ingredienti che ho messo nella mia crema viso fai da te contro il torpore invernale sono:

Fase A
Acqua di rose alimentare 70
xantana 0,5
glicerina 4

Fase B
olio di riso 4
olio di argan 2
burro di karitè 3
lamecreme 6

Fase C (a freddo)
oleolito di arancia 3
pantenolo 1
bisabololo 1
tocoferolo 1
gel di sodio ialuronato bpm all’1% 3
allantoina 0,5 (dispersa direttamente nell’acido ialuronico)*
conservante DHA BA ecocert 0,6 (18 gtt)
O.E. pompelmo 3 gtt.

Ph 5/5,5
Non mi è servito alzarlo nè abbassarlo. Contenta : )

*Si è poi visto che l’allantoina non si scioglie a freddo, se non ad una temperatura maggiore di 25 C°, quindi attualmente consiglio di metterla in fase A, allo 0,3 % (si scioglie infatti allo 0,5% su un 100% di acqua calda o almeno tiepida, l’acqua presente in fase A è invece in genere meno del 80-70%).

Procedimento
Il procedimento è a caldo, simile a quello che ho più o meno spiegato qui, con alcuni accorgimenti.

Si versa la glicerina in un bicchiere e ci si disperde la xantana, si mischia con un cucchiano di plastica, si aspetta un po’ e si forma il gel. Pian piano si versa l’acqua di rose nel gel, in modo da gelificare il tutto.

Intanto in un altro contenitore di vetro si iniziano a riscaldare gli oli leggeri con il lamecreme, quando la cera è completamente sciolta, si spegne il fuoco e si aggiunge il karitè.

Dopo aver intiepidito anche la fase acquosa, si inizia a frullare ben bene, unendo la fase oleosa a quella acquosa a filo, continuando a frullare costantemente.

Quando abbiamo finito di versare tutta la parte oleosa nella parte acquosa e la mistura si è raffreddata abbastanza si iniziano ad aggiungere, tra una frullata e l’altra, gli ingredienti freddi della fase C come oleoliti, attivi, conservanti ed essenziali.

Fare le creme in casa è una delle attività pratiche che più mi dà soddisfazione, non so perchè… oppure forse lo so ; )

A pari merito con gli oleoliti.

E tu che spignatto preferisci in assoluto?
Curiosa di sapere i tuoi gusti, mi raccomando: lasciami un commento per dirmi la tua!!

10 pensieri riguardo “Crema viso fai da te contro il torpore invernale

  • 18 dicembre 2011 in 18:31
    Permalink

    Ti seguo da un pò di tempo e trovo sempre argomento interessanti e spigazioni molto chiare nel tuo blog.
    Seguendo il tuo consiglio ho fatto l'acqua di rose con le ultime rose di autunno.
    Mi piace la tua cremina invernale, credo proprio di copiarla! ! ! !
    Ho il lamecreme, ma non l'ho mai usato, perchè non conosco bene le percentuali di uso in funzione della percentuale di grassi usati nella formula, mi puoi dare qualche consiglio per favore ?????
    Vorrei sapere se da delle creme solide, compatte, perchè a me piciono così e vorrei anche sapere come evitare l'effetto appiccicoso dell'axantana.
    Ti ringrazio tantissimo per la tua cortesia.

    Risposta
  • 18 dicembre 2011 in 21:00
    Permalink

    Grazie cara, sono contenta che hai fatto l'acqua di rose, ma se fai questa mi raccomando, non mettere O.E. agli agrumi ; )
    La questione delle percentuali per questo emulsionante è controversa, io mi sono vista altre ricette già fatte in cui mettevano il 6% con parte grassa tra il 12% e il 15% e quindi… ho copiato.
    Pur usando la xantana la crema viene liquidina e con le bollicine, a me sta venendo la tentazione, per la prox, di aggiungere più oli e una puntina di.. cera d'api ; )
    Questa crema non ha un effetto appiccicoso, ma appena messa ti senti come se la faccia ti tirasse, non so come spiegare… però poi si rilassa e ti senti ben idratata.
    L'effetto forse potrebbe ammortizzarsi con una maggiore percentuale di grassi. Vedremo…
    Mi raccomando, se sperimenti anche tu poi vieni subito a farci il resoconto.
    A presto <3

    Risposta
  • 19 dicembre 2011 in 19:36
    Permalink

    Grazie tanto Khadi per la chiara spigazione, credo anch'io che la cera d'api possa un po' addenzarla e sicuramente usando una percentuale maggiore di grassi si ottiene una crema più corposa, diciamo che la stagione è propizia. Dopo le feste, proverò sicuramente a farla e ti farò sapere! ! !
    Un affettuoso saluto e tanti auguri di buone feste

    Risposta
  • 23 dicembre 2011 in 9:06
    Permalink

    Ciao, ho giusto fatto ieri una crema con il lamecreme e mi permetto di aggiungere la mia opinione. Usato al 5% fa le creme liquidine se non ci si aggiunge la cera d'api. tra il 6 e il 10 va meglio. Per i miei gusti si "rassoda" troppo in fretta e questo non è molto comodo perchè devi essere lì pronta con il minipimer! Per le bolle: è la xantana a farle (tremnda) io ho risolto mettendo a bagno la xantana nella glicerina e nell'acqua che intendo mettere per un 2 3 ore. a quel punto mescoli con una frusta a mano. ed è pronto il gel. in questo modo usi meno il minipimer e si fanno poche (anzi nulle) bolle.
    Buone Feste
    Silvia

    Risposta
  • 23 dicembre 2011 in 15:58
    Permalink

    Finora ho sempre fatto con il 6%,a questo punto provo con l'8% e vediamo che succede.
    La dritta della xantana va provata… normalmente la frullo con il frullatore quando non si scioglie a dovere dopo un po' ; ) forse sarà anche questo… Grazie <3

    Risposta
  • 26 febbraio 2012 in 23:02
    Permalink

    Sì certo, dovrebbe andar bene, per me invece ci servirebbe un po' più grassina… ; )

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: