Gel alla camomilla fai da te: almeno 10 usi con un solo prodotto

La semplicissima ricetta che ti mostro oggi sfrutta al 100% le proprietà cosmetiche, lenitive e antinfiammatorie della camomilla, restituendoci un prodotto multifunzionale, ma anche velocissimo da realizzare e supereconomico.

Importantissimo, da leggere assolutamente!!!

—> Aggiornamento settembre 2014.

Ingredienti:

infuso di camomilla a 100
xantana 0,5
glicerina 1
3 gtt. di olio essenziale di lavanda
conservante 18 gtt.

Il procedimento è lo stesso del gel d’aloe: mettere la glicerina in un contenitore, far disperdere dentro la xantana.
Una volta ottenuto il gel, iniziare ad aggiungere l’infuso.
Integrare il conservante alla fine e frullare, se necessario.

Inizialmente avevo fatto questo gel per utilizzarlo come tonico per il viso, ma poi ho finito per dargli le funzioni più disparate.

E posso elencarne almeno una decina: vediamo quali.

 

10 usi del gel alla camomilla

1. Da usare come semplice tonico per il viso e come base per la crema o per l’applicazione di un olio;

2. Con pochi accorgimenti, il gel diventa un rimedio contro i piedi gonfi e le gambe stanche e pesanti;

3. Grazie alle proprietà calmanti, schiarenti e tonificanti, va benissimo anche usato da solo sulle gambe come rimedio contro i capillari o in un preparato specifico, che eventualmente potrebbe essere utilizzato anche in gravidanza;

4. Ottimo anche da spalmare sui fianchi e sulle gambe come base prima dell’applicazione di un olio antismagliature o anticellulite;

5. Da usare come base per la creazione di scrub per il corpo e delicati peeling per il viso.

6. Utilizzabile anche come attivoda inserire in fase c (a freddo) nella formulazione di una crema viso o corpo, affiancandolo o sostituendolo al gel di aloe.

7. Come cura per i capelli chiari e ravvivante del colore;

8. Ottimo quindi anche nella realizzazione di balsami e shampi per capelli chiari;

9. Ideale per la cura della pelle dei più piccoli per prevenire e curare arrossamenti e irritazioni o come base per l’applicazione di oli lenitivi come per esempio mandorle, olio di calendula o di lavanda.

10. Molto pratico per combattere il pizzicorio da puntura di zanzara.

Quelli che ho qui elencato sono solo alcuni degli svariati usi che questo gel può avere, quelli che mi vengono in mente in questo momento.

Per ognuno di questi rimedi spero di riuscire a dedicare un post.

Intanto in lavorazione un ebook con  tantissime ricette. Se vuoi mantenerti in contatto con me, ricevere pdf gratuiti dal web, ricette e info sulla cosmesi fai da te ed essere avvisata per l’uscita dell’ebook non esitare a iscriverti alla nostra newsletter lasciandomi il tuo indirizzo nel form che trovi in questa pagina.

Qui di seguito le ricette per fare altri gel:

Se il post ti è piaciuto, clicca su “mi piace” e a condividi su FB!!!

Se anche tu utilizzi la camomilla un po’ per tutto, lasciami un commento nell’apposita area qui sotto, sarò felice di conoscere le tue idee e le tue ricette : ).

 

18 pensieri riguardo “Gel alla camomilla fai da te: almeno 10 usi con un solo prodotto

  • 31 luglio 2012 in 11:35
    Permalink

    Ciao 😉
    volevo sapere che conservante usi e se sapresti consigliarmene uno ecobio da trovare in farmacia (per ora non compro online le materie prime)

    Grazie

    Risposta
  • 1 agosto 2012 in 12:03
    Permalink

    Non uso un conservante in particolare, ne sto sperimentando vari.
    Non so se il farmacia potresti trovare potassio sorbato e sodio benzoato.
    Nel caso in cui li trovi va fatta una soluzione con queste proporzioni:

    acqua 80
    sodio benzoato 10
    potassio sorbato 10

    La soluzione va conservata possibilmente in frigorifero e ha una scadenza di 6/8 mesi.

    Si usa nelle preparazioni con ph da 5 a 6 al 2,5%.

    Risposta
  • 2 agosto 2012 in 20:40
    Permalink

    @k.sakinah grazie per la risposta e complimenti per il blog 😉 ma nelle farmacie vicine a me non tengono (e non ordinano, anzi, ti guardano come un alieno se li chiedi) potassio sorbato e sodio benzoato… quindi niente 🙁

    Conosci qualche altro buon conservante ecobio che può andare bene per questa preparazione??

    Grazie 😉

    Risposta
  • 6 agosto 2012 in 21:51
    Permalink

    @Coccinella, se non trovi in farmacia l'unica è fare un ordine da qualche sito. Ti conviene Aromazone, così come conservante prendi il cosgard, che è abbastanza performante e facile da usare, e magari anche qualcos'altro che ti serve tipo un emulsionante, per esempio ; )

    Risposta
  • 14 agosto 2012 in 10:38
    Permalink

    Tu sei il mio mito! Quando mi arriva una tua dispensa faccio i gridolini come una bambina a cui hanno portato un nuovo giocattolo (anche se non lo sono più da tanto tanto tempo, sigh!).
    Sono proprio all'ABC quindi per il momento provo a fare l'acqua di mele (ricetta di una tua dispensa).
    Ti lascio l'indirizzo del mio blog, sperando di acquisire un giorno (lontano) le tue inarrivabili conoscenze. A.

    Risposta
  • 26 settembre 2012 in 6:59
    Permalink

    Khadi questo gel è una genialata e mi hai stuzzicato la fantasia per un altro gel 😉
    GRAZIEEEEEEE
    Un abbraccio
    Lalla

    A proposito fammi sapere quando ci sarà l'uscita dell'ebook!

    Risposta
  • 1 ottobre 2012 in 11:39
    Permalink

    @Lalla… non saprei.
    Ormai la mia vita è tutta "nottate e poppate", ehhehehehh!

    @Angela e Freya Kosmetik.. Grazie : )

    Risposta
  • 31 dicembre 2012 in 12:50
    Permalink

    QUANTO DURANO IGEL CON IL CONSERVANTE? GRAZIE 🙂

    Risposta
  • 24 marzo 2013 in 18:15
    Permalink

    ciao cara sei strepitosa ,potrei fare anche il gel alla calendula? stessa procedura degli altri gel!!!!! grazie selly

    Risposta
  • 26 marzo 2013 in 13:35
    Permalink

    @anonimo – la durata del gel dipende ovviamente dal conservante usato: se usi il cosgard possiamo considerare un annetto, sempre se tieni il prodotto in ambiente adeguato, se invece usi per esempio potassio sorbato e sodio benzoato non più di otto mesi. E comunque il preparato va costantemente controllato, facendo attenzione a vedere se sta cambiando odore o colore : ). La cosa migliore, per questioni di sicurezza, è comunque fare piccole quantità e consumarle di volta in volta, rispettando una durata di massimo tre mesi. In estate i prodotti vanno tenuti in frigo.

    @Selly – Certo che puoi farlo alla calendula, fai un decotto molto concentrato e poi lo gelifichi con xantana o amido di mais o altro metodo. Grazie per i tuoi complimenti : ).

    Risposta
  • Pingback: Come fare un gel-base semplice e utilissimo – SonoBio… a modo mio

  • Pingback: [Ricette facili] Gel alla camomilla (a base di idrolato) – SonoBio… a modo mio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: