Perchè un bio-blog

Quando, a dicembre 2010, ho lanciato questo blog non avevo idea di quanto fosse forte in Italia e in continua crescita l’interesse per le cure naturali e la cosmesi fai da te.
Pensavo di essere una mosca bianca che aveva potuto prendere coscienza delle tematiche legate al bio solo grazie alla breve permanenza in Francia e alle ottime frequentazioni ; ).
E invece ho scoperto un mondo.

Il mondo dello “spignatto”

Il mondo si chiama “spignatto” e riguarda l’idea di creare i prodotti per la cura della persona arrangiandosi con quello che si ha in casa o organizzandosi con prodotti naturali reperibili nelle farmacie galeniche, in qualche erboristeria “illuminata”, oppure su siti specializzati.

A volte, però, in questa corsa alla materia prima ci si dimentica un corollario fondamentale e cioè:

il risparmio è BIO, lo spreco no.

Sono in tante a farsi prendere la mano da questa febbre dello spignatto che diventa quasi una malattia, una dipendenza che paradossalmente ad un certo punto porta le ragazze ad uno shopping compulsivo che riempie gli scaffali di casa di oli, attivi, tensioattivi ed essenze, che poi non si usano più di tanto.

Ha senso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: