Sapone morbido rilavorato allo zucchero

Questa volta ti parlo di un esperimento improvvisato e ancora incompleto, un’idea balenata in testa e subito messa in pratica. Un’idea semplice, anche banale se vogliamo, ma dalle grandi potenzialità.

Ti presento il sapone morbido rilavorato allo zucchero : D

L’idea di utilizzare lo zucchero per la rilavorazione di un sapone viene da una ricetta di sapone montato del forum La natura è bellezza. La modalità di utilizzo e il risultato sono però completamente diversi: nel primo caso ciò che si ottiene è una specie di spuma da doccia, in questo caso si ottiene invece un sapone solido ma morbido e malleabile, che apre la fantasia a infinite possibilità di utilizzo o decorazione.

L’effetto sulla pelle è molto piacevole, il potere lavante dipende ovviamente dal sapone che fa da starter, ma in generale si ottiene un sapone da doccia molto delicato.

Ricetta sapone morbido rilavorato allo zucchero

Ingredienti

un bicchiere di sapone artigianale grattugiato
un bicchiere di acqua
un cucchiaio di zucchero

Come si fa
Il procedimento è molto semplice: far sciogliere tutto insieme. Quando il preparato è completamente sciolto versarlo negli stampini.

E’ ovviamente possibile colorare con coloranti alimentari e/o ossidi, inserire internamente granelli di sapone solido di altro colore per dare un effetto particolare e fare giochi di colore e trasparenze…

Questo era solo un esperimento per capire se con queste dosi si riusciva ad avere una consistenza interessante e sempbrerebbe proprio di sì.

Vedremo in seguito se ne verrà fuori qualcosa di carino…

Ti terrò aggiornata ; )

4 pensieri riguardo “Sapone morbido rilavorato allo zucchero

  • 15 dicembre 2014 in 13:37
    Permalink

    Una domanda: il sapone zuccherato, una volta raffreddato non solidifica con tutto lo zucchero?

    Risposta
    • 15 dicembre 2014 in 15:25
      Permalink

      Sì sì, certo… è un sapone solido ma è morbido, perchè si aggiunge anche dell'acqua.
      Certo, se usi il sapone artigianale come starter viene una consistenza solida ma morbida appunto, ma se usi uno industriale viene comunque molto duro e c'è bisogno di molta acqua in più, non so dirti quanta, dovrei provare… magari è il prossimo esperimento e lo facciamo insieme, così io condivido il tuo e tu condividi il mio ; )
      Ciao Roberta e grazie per la domanda, a presto : D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: