La pubblicità su questo blog

Pubblicità. Un argomento che in apperenza con il bio e la cosmesi fai da te non ha molto a che fare, ma che ha molto a che fare invece con l’etica e quindi con la veridicità del messaggio che viene dato dai blogger.
Quindi ne parlo perchè voglio che questo sia un blog trasparente, senza segreti e con un marketing pulito.
Questo post non è per tutti, ma solo per chi vuole conoscere alcuni segreti dei blog (e delle blogger) che trattano argomenti come bio, beauty e make-up, quindi continua a leggere solo se pensi che possa interessarti.

Tutti sanno (perchè lo dico ogni due per tre) che questo blog è nato per essere o diventare un blog semi-professionale (e con semi-professionale intendo molto semplicemente un blog da cui si ricava qualche euro al mese) o meglio ancora per diventare – perchè no? – un blog professionale.
L’obiettivo non è ancora stato raggiunto e ammetto anche di conoscerne i motivi: alcuni sono motivi validi e altri no, ma così è andata e pazienza!

Nonostante tutto sono molto contenta di come stanno andando le cose, perchè questa esperienza sul campo, per piccola che sia, mi sta formando e mi sta permettendo di capire tante cose del nostro mondo, e soprattutto cosa c’è dietro un post, un video e perfino dietro la condivisione di una foto su Instagram.

Il mondo delle beauty blogger e delle bio blogger è davvero lo specchio della nostra società.
Ci sono  fatti a dir poco raccapriccianti che vedo verificarsi online come per esempio:

1- beautybioblogger che si svendono per due campioncini ricevuti per posta;
2- beautybioblogger che si vergognano di dire che guadagnano qualcosa dai loro video e dai loro post.

Ho citato solo i due casi estremi, due risvolti della stessa medaglia.

Forse non ci si rende conto che, per quanto siamo un gruppo di pazze scatenate che perdono tempo nei forum, nei gruppi, nelle chat e a telefono a parlare di cose come carbomer e sodio alginato o di ditte e prodotti cosmetici, tutto ciò che facciamo, scriviamo e condividiamo richiede tempo, dedizione e energie e quindi costituisce di fatto un lavoro vero e proprio, anche se spesso noi lo facciamo a gratis per il puro piacere della condivisione.

Arriviamo a situazioni a dir poco assurde, per esempio in questo momento sto scrivendo questo post mentre mia figlia fa il bagnetto sotto lo sguardo della grande, l’acqua della pasta bolle, io sono ancora in pigiama ed è appunto l’ora di pranzo, il letto è disfatto, lo stendino è pienissimo di panni da piegare, il pavimento è ancora sporco da ieri.

Non è tutti i giorni così, certo. D’altra parte non scrivo post tutti i giorni, infatti ; ).

Fatto sta che non c’è niente di vegognoso nel guadagnare da un blog, da un canale o da una pagina facebook: che siano piccole cifre o grandi cifre non c’è nulla di male e non bisogna nascondersi dietro un dito, anzi.

Certo, se l’intenzione è quella di fare solo marketing e dire “questo prodotto e buonissimo” e “quest’altro è fantastico”, solo perchè ci pagano, allora sì… è normale che ci si nasconda perchè si teme per la propria credibilità.

La verità è che si è credibili solo quando si dice la verità e certo, magari è anche brutto parlare male di chi ci ha regalato il campioncino e di chi ci ha pagato per fare il post, ma si può anche rifiutare, eh! e accettare solo proposte da brand che sono davvero in linea con la nostra filosofia e il nostro target oppure ingegnarsi per fare un post in cui non si parli né male né bene, ma si offra comunque uno spazio al brand. Proprio ieri leggevo uan frase bellissima di una famosissima blogger chiamata La Spora che riguarda proprio questo concetto. La Spora dice:

Tu vendi lo spazio nel blog, non la tua opinione.

Ed io sono davvero molto d’accordo, ma vedo attorno a me che questo concetto a molte biobloggers e beautybloggers non è per niente chiaro. Eppure è facile!

Comunque tutto questo per dire che nel mio blog di tanto in tanto trovi dei banner, degli annunci o dei link affiliati che sono sempre chiaramente indicati come ADV, cioè come annuncio pubblicitario.

Gli annunci pubblicitari – a parte quelli di google che dovrebbe mettermi annunci contestuali ma spesso fa un po’ come gli pare – sono attentamente selezionati e, se sono qui, è perchè evidentemente ho ritenuto che abbiano certi requisiti, insomma non i metto a caso.

Non credere che chissà cosa guadagni… Tutto quello che è stato fatto finora per questo blog, dalle newsletters, al dominio, ai templates, alla grafica, agli articoli, è stato fatto esclusivamente spendendo:

– il mio tempo,
– i miei soldi,
– i soldi che alcune lettrici iscritte alla newsletter hanno molto gentilmente donato per sostenermi.

E, se anche tu vuoi sostenere il bioblog, puoi farlo in tanti modi: metti “mi piace”, condividi sui tuoi social, commenta, clicca sui miei banner, vai a curiosare e acquista dai miei link affiliati.

Collaboro con:

PrimoBIO
Mystic Moments
Libri di Amazon su Salute e Bellezza

Sezione Rimedi Naturali su Macrolibrarsi.it
L’inganno nel cibo
Pasta Madre Facile

Lasciami un segno del tuo passaggio, condividi sui tuoi social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: