È che la vita… (fatti miei + haul PrimoBio)

È che la vita, almeno la mia, non è fatta solo di blogging, anche se mi definisco blogger.

In questi mesi ci sono state tante cose tra le quali l’esame di stato della terza media di mia figlia homeschooler e il digiuno del mese di ramadan, che quest’anno è stato particolarmente impegnativo per tutti.

Ogni anno Ramadan è per i musulmani un momento di rinascita, per quanto possa essere duro e difficile se ne esce sempre con una nuova carica e con più energia. Si fa il punto con se stessi e si rimettono in ordine le idee, ci si ricorda delle priorità e si elencano i buoni propositi.

Ma non è finita qui.

Tra una settimana partiamo per l’Algeria.
Sarà la mia prima volta in Algeria con il caldo di agosto, saranno 39 giorni e speriamo non tutti a 40-50 gradi all’ombra!
La mia idea è quella di postare anche da lì, visto che ho ancora tante ricette da condividere e chissà quanti e quali reportage… ma non so se ne avrò il tempo e – diciamocelo – la voglia.

Intanto sto preparando i regali da portare in Ageria, molti dei quali firmati PrimoBIO.

Quest’anno, a causa del caldo eccessivo, ho deciso di preparare solo spignatti semplici e di veloce consumazione da regalare e di acquistare le creme viso e le creme corpo.

Tutti i regali verranno confezionati con i bellissimissimi sacchetti di PrimoBio e conterranno:

– una crema Benecos per il viso oppure per il corpo
– una confezione di sali da bagno
– un vasetto di pasta all’acqua (a breve la ricetta) o di pomata lenitiva all’ossido di zinco
– un deodorante gel al bicarbonato

 

Intanto parliamo dell’ordine.
Il pacco è arrivato velocissimamente con soli due giorni lavorativi.

Tutti i prodotti erano sistemati in modo ordinato e le confezioni erano integre e molto carine.

Per i miei regali ho scelto la vasta gamma di cremine corpo eco bio a basso costo della Benecos. Si tratta di prodotti ottimi, con formulazione eccellente, ma dal costo davvero competitivo. C’è da scegliere tra varie opzioni: aloe vera, melissa, olivello spinoso e arancio, albicocca e fiori di sambuco, melograno e rosa. Puoi acquistare questo prodotto per soli 3,99 euro cliccando qui.

Come alternativa alle cremine per il corpo ho scelto alcune creme per il viso che mi avevano incuriosita molto:
La crema viso eco bio senza siliconi della Benecos 
la crema viso all’acido ialuronico della Nonique

In realtà me le terrei tutte!! Sono troppo curiosa di provarle!
Vedremo cosa restarà fuori una volta completati i sacchetti regalo.

 

I sacchetti regalo di PrimoBio sono davvero bellissimi e sono stati una graditissima sorpresa.
Una bella confezione valorizza tantissimo un regalo e queste confezioni sono davvero carine, non c’è che dire!
Puoi acquistare i sacchetti di PrimoBio per solo 1,50 euro cliccando qui.

Infine i graditi regali di Deborah.
Un pennellino da trucco e due campioncini della Phitofilos.

2 pensieri riguardo “È che la vita… (fatti miei + haul PrimoBio)

  • 24 luglio 2015 in 20:18
    Permalink

    Assalamou alaiki,oukhtie grazie di aver diviso questo haul con noi.
    Ti volevo fare una domanda:una mia amica (che conosci anche tu),molto brava nell'ambito della cosmesi fai da te,sta formulando una crema per pelle grassa per me,pero siccome sa che sono musulmana e che non mi spalmo creme con estratti vegetali idroalcoliche,mi ha proposto di farmi una crema con quelli estratti idroalcoliche dove l'alcool e stato fatto evaporare.
    Nel dubbio non gli ho ancora dato risposta anche perché entro ora in questo mondo del fai da te che mi piace tanto pero con i piedi di piombo per non fare cavolate…scusa della parola.
    Vorrei avere il tuo mail per farti un sacco di domande,sono iscritta sulla pagina"autoproduzione…"su facebook,sono quella che emetteva dubbio sulla formulazione delle sue prime creme e hai gentilmente risposto.

    Risposta
  • 2 agosto 2015 in 14:43
    Permalink

    wa aleikum assalem wa rahmatullah ukhti cara, vedo solo adesso questo tuo commento.
    la mia mail é khadi.bio@gmail.com
    mashallah che bello/ una crema personalizzata!
    Sul'uso esterno di alcool c'e divergenza, alcuni sapienti ne ammettono l'utilizzo in percentuali minime, mentre altri no. Occorrerebbe decidere quale delle due opinioni seguire in base alle prove e poi vedere se nella preparazione l'alcool evapora completamente o se in parte rimane nem preparato e in che percentuale; Allahu 'alam 🙂

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: