Gel ai Semi di Lino Fai da Te per la Cura dei Capelli

Una delle migliori cure naturali per i capelli è il gel di semi di lino. Si tratta di un vero e proprio rimedio naturale per i capelli, li rende lucidi e corposi, risolve problemi di secchezza dei capelli e funge anche da anticrespo e leave-in ravvivaricci. E’ ottimo come live in per i capelli ricci, ma si può usare, con qualche accorgimento, anche per mantenere più composti i capelli lisci.

Vediamo come si fa.

Ricetta Gel ai Semi di Lino Fai da Te per la Cura dei Capelli

Cosa occorre per fare il gel ai semi di lino:
– semi di lino 20 g
– acqua 300 g
– acido citrico o limone q.b. per pH 5

Come si fa il gel ai semi di lino
Fare la ricetta del gel ai semi di lino sembra facilissimo, ma in realtà non lo è affatto.
Ci sono essenzialmente due metodi per fare il gel ai semi di lino.

Primo metodo: si mettono i semi dentro un pentolino, si portano a ebollizione e si lasciano bollire per una ventina di minuti. A questo punto si è creato il gel che dovrebbe essere passato con un comune passino da cucina. Tuttavia il gel risulta spesso talmente appiccicato ai semi da diventare un unico blob.
Secondo metodo: si mettono i semi dentro un passino e si mette il tutto in un pentolino, si aggiunge l’acqua, si porta a ebollizione e si lascia sobbollire per un dieci-quindici minuti. In questo caso il gel risultante viene bello pulito, ma in realtà molto del gel rimane dentro il colino tra i semi.

Io lo faccio così:
Prima di tutto, come avrai notato se conosci già altre ricette diffuse sul web, cerco di fare un gel più diluito. Poi procedo così: metto a bagno i semi la sera prima in un contenitore con l’acqua, il giorno dopo metto tutto nel pentolino e lascio sobbollire meno di cinque minuti, giusto il tempo di vederlo addensare un po’, ma pochissimo, in modo che passi nel colino. A questo punto lascio raffreddare e volendo posso anche ripetere l’operazione utilizzando sempre gli stessi semi: il gel mi verra molto meno denso, ma – dopo averlo colato – se la consistenza non mi va a genio, lo rimetto nella pentola per farlo riaddensare ancora un po’. Normalmente però non lo preferisco troppo denso, perché mi risulta troppo blobboso e di difficile applicazione.

Alla fine si aggiunge un cucchiaio circa di succo di limone o, per chi ha le cartine, una puntina di acido citrico in modo da evitare un’eventuale ossidazione del prodotto e da renderne il pH più adatto ai nostri capelli.

Il video

Qui di seguito trovi un brevissimo video in cui puoi vedere il procedimento e la consistenza raggiunta nella decisiva “fase-colino”.

Come si conserva il gel ai semi di lino

Il gel ai semi di lino si usa al momento, oppure può essere conservato.

Primo modo di conservare il gel ai semi di lino (va bene anche per chi non spignatta abitualmente).
Quando si raffredda si può versare il gel in un contenitore per fare i cubetti di ghiaccio e infilare nel congelatore. Dopo che i cubetti si sono congelati, per ragioni di spazio, conviene toglierli dal contenitore e riporli in un sacchetto o in una scatolina di plastica (tipo quelle del Philadelphia o del gelato, per intenderci). Il gel si conserva nel congelatore per 5-6 mesi oppure in frigorifero per pochi giorni.
Quando ci serve, basta tirar fuori un cubetto, farlo scongelare velocemente e applicarlo come un qualsiasi gel per capelli.

Secondo modo di conservare il gel ai semi di lino
Il secondo modo di conservare ilg el è quello classico: aggiungere un conservante qualsiasi, coem cosgard, potassio sorbato e sodio benzoato, phenonip, salvacosm o quello che avete in casa, in proporzione rispetto al prodotto finale che vi è venuto fuori.

Per che cosa si usa il gel ai semi di lino

Il gel ai semi di lino può essere usato così com’è, al posto di un qualsiasi altro gel, oppure può diventare la base per creare un gel più strong, per esempio con l’aggiunta di xantana e gel di aloe, oppure può diventare non solo un live in ma anche un vettore che permette di veicolare sostanze funzionali adatte ai capelli, come inulina, proteine del grano, della seta etc.
Può essere inoltre utilizzato come base per maschere per capelli e balsami.

Il gel ai semi di lino ha ottime proprietà idratanti e sembra possa essere utilizzato anche come gel corpo. Personalmente non l’ho mai sperimentato, ma – ora che ci ripenso – mi sa che presto ci farò su un pensierino : )

N.B. I semi scuri rendono molto meglio di quelli più chiari!! Si possono acquistare su Macrolibrarsi.

Semi di Lino Scuri
Biologici – fonte di fibre
€ 2.5

6 pensieri riguardo “Gel ai Semi di Lino Fai da Te per la Cura dei Capelli

    • 1 novembre 2016 in 18:35
      Permalink

      Infatti, specie se non lo fai stare troppo sul fuoco e lo togli appena vedi che inizia ad addensarsi, così riesci a passarlo facilmente ; )

  • 24 novembre 2016 in 11:10
    Permalink

    salve..delucidazione in merito al metodo di conservazione, ovvero se volessi usare il cosgard o altri..in quale proporzione ? anche in altre ricette a volte leggo…usare un conservante a piacere..si go capito , ma quanto ne metto?? grazie

    Risposta
    • 25 novembre 2016 in 9:03
      Permalink

      La quantità dipende dal conservante che usi, per il cosgard è lo 0,6%, siamo sulle 18 gocce per il 100 gr, però se per esempio usi la soluzione di potassio sorbato e sodio benzoato e la realizzi secondo la ricetta che trovi sul sito allora la userai al 2,5%.
      Comunque, se vai una ricerca digitando “conservanti” nella casella di ricerca in alto a destra, trovi le schede tecniche di tutti i conservanti più usati per conoscerne i pro e i contro e come vanno usati. Ciao Romana, a presto!

  • 8 dicembre 2016 in 6:07
    Permalink

    Ciao, volevo chiederti se al gel posso aggiungere dell o.e. di limone e rosmarino e in k misura grazie. Colgo l’occasione per farti i complimenti, i tuoi consigli e gli spignatti che pubblichi li trovo molto utili e interessanti grazie mille! !!

    Risposta
    • 8 dicembre 2016 in 19:18
      Permalink

      Inserisci pure gli oli essenziali nel tuo gel, ma cerca di mantenerti sempre al di sotto delle 30-40 gocce massimo ogni 100 g di prodotto, anche se si tratta di un prodotto per capelli, per evitare reazioni allergiche che potrebbero derivare da un sovradosaggio a lungo termine.
      Grazie Cristina, commenti come il tuo mi riempiono il cuore di gioia e mi ridanno l’entusiasmo necessario per continuare a condividere ricette e ricerche. Grazie davvero! k.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: