Alimentazione Critica, la nuova rubrica di SonoBio

alimentazione-critica

Arriva oggi – dopo anni di attesa, scusami! – il primo post della nuova rubrica di SonoBio dedicata all’alimentazione critica. Si tratta di una rubrica a cui voi ed io pensavamo da tempo. Alcune di voi ricorderanno ancora un breve sondaggio che vi ho proposto alla fine di una delle edizioni della nostra newsletter, da cui si evinceva chiaramente che il secondo interesse delle bioblogghine, subito dopo la cosmesi fai da te, è proprio l’alimentazione.

In realtà sul blog ci sono già alcuni post sporadici che trattano questo tema, ma d’ora in poi vorrei trattare di alimentazione in modo un po’ più organizzato e mirato, ovviamente con l’aiuto di esperte del settore che di volta in volta consulteremo e persone qualsiasi che hanno provato e continuano ad applicare dei regimi alimentari con finalità dimagranti, curative o altro.

Alimentazione Critica, perché

Oggi grazie al web ognuno di noi può reperire miliardi di informazioni che riguardano la cucina sana, le diete e il “giusto” modo di alimentarsi. Ci sono un’infinità di siti lì fuori che parlano di queste cose, ma anche un’infinità di “ideologie del cibo” e di “credi” diversi che confondono il navigatore al posto di informarlo e lo rendono o un fervente adepto di qualche intoccabile setta cibaria, oppure molto semplicemente scettico su tutto e incapace di prendere decisioni serie su quale sia la giusta alimentazione per lui e per i suoi problemi specifici.

Alimentazione Critica, di cosa si tratta

Che sia Dukan, Scarsdale, Macrobiotico, Vegetariano, Vegano, Crudista, Paleo, oppure Ortomolecolare ogni volta che ci approcciamo ad un sito che parla di alimentazione ci troviamo quasi messe con le spalle al muro: o sei dentro o sei fuori.

Non si tratta di fare semplicemente una dieta, si tratta invece di abbracciare un credo, una religione. Non segui una dieta vegetariana, no. Diventi vegetariano. Non fai una dieta adatta a te in cui mangi quello che ti fa bene ed elimini ciò che fa male “a te”, ma fai, per esempio, una dieta “Dukan” ed elimini un sacco di alimenti che Dukan ha deciso di vietarti, per motivi suoi.

Si dà per scontato che tu debba, in pratica, fidarti ciecamente di questo o quel dottore, di questo o quel metodo che ti promette di dimagrire in tre mesi o ringiovanire in tre giorni. In sostanza ciò che ci viene chiesto è di “credere” nel metodo, nella persona che lo ha inventato, nei libri che sono stati scritti sul tema e di mettere in pratica alla lettera.

Da musulmana non posso che sorridere quando leggo queste cose. Si parla tanto di noi musulmani come integralisti, bigotti e retrò perché non beviamo birra e non mangiamo maiale e guai a sgarrare (ovviamente, seguiamo una religione rivelata!) e poi ci si riduce a presentare il programma alimentare proposto da un tale, spesso considerato un guru, come una verità assoluta da seguire pedissequamente alla lettera… Mi sembra ci sia davvero molto da riflettere sulle dinamiche psicosociologiche di una società senza Dio, che cerca Dio morbosamente nelle cose, perfino in quelle che mangia.

Alimentazione Critica, il progetto

Nella nostra rubrica – pian piano – analizzeremo quindi i vari tipi di dieta in maniera pacata, ma estremamente critica e oggettiva, cercando di capire cosa c’è di buono e cosa c’è di assurdo in ognuna di esse. Non avendo competenze specifiche ci avvarremo prima di tutto del buon senso (che ultimamente sembrerebbe una dote in via di estinzione in questo campo!) e in seconda istanza di studi scientifici accreditati e dell’opinione di esperti del settore.

Sarà un viaggio alla scoperta di tanti mondi diversi, visti con occhi senza pregiudizi, affascinati da tutto ciò che è nuovo e “alternativo”, ma comunque disincantati e distaccati.

Insomma, intanto si inizia e, anche questa volta, speriamo di farcela e di riuscire a portare avanti la rubrica senza intoppi e contrattempi. So già che non sarà una saga continuativa, però spero ti faccia piacere esplorare insieme a me a piccoli passi questo argomento utilissimo e controverso.

5 pensieri riguardo “Alimentazione Critica, la nuova rubrica di SonoBio

  • 25 novembre 2016 in 16:30
    Permalink

    Da musulmana non posso che sorridere quando leggo queste cose. Si parla tanto di noi musulmani come integralisti, bigotti e retrò perché non beviamo birra e non mangiamo maiale e guai a sgarrare (ovviamente, seguiamo una religione rivelata!) e poi ci si riduce a presentare il programma alimentare proposto da un tale, spesso considerato un guru, come una verità assoluta da seguire pedissequamente alla lettera… Mi sembra ci sia davvero molto da riflettere sulle dinamiche psicosociologiche di una società senza Dio, che cerca Dio morbosamente nelle cose, perfino in quelle che mangia.
    Hai centrato nel segno … pura verità … solo che nn c’è ne rendiamo conto … brava !!

    Risposta
    • 27 novembre 2016 in 12:59
      Permalink

      Grazie cara!

  • 21 dicembre 2016 in 21:53
    Permalink

    Mi piace molto questa rubrica!!!

    Risposta
    • 22 dicembre 2016 in 18:31
      Permalink

      Era già in programma da un sacco di tempo, adesso tutto sta a buttarla giù per iscritto… e speriamo di riuscirci in tempi accettabili! InshaAllah!

  • Pingback: Dieta Scarsdale: la mia esperienza ~ SonoBio a Modo Mio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: