Allantoina: cos’è e come usarla nei cosmetici fai da te

Oggi scopriamo insieme un ingrediente utilissimo e presente in moltissime formule cosmetiche: l’allantoina. Vediamo cos’è e come usarla nei cosmetici fai da te

E’ difficile che una spignattatrice non conosca l’allantoina e che non l’abbia mai usata, eppure so che non tutte le ragazze che la usano conoscono la sua funzione in un cosmetico.

Allantoina cos’è

L’allantoina è una sostanza inizialmente ricavata naturalmente da un tipo di borragine e oggi ottenuta quasi esclusivamente da processi sintetici.

Allantoina perché la usiamo

Si tratta di un protettivo cutaneo che, utilizzato nelle basse quantità in cui lo utilizziamo noi (0.5% massimo), ha la funzione di idratante e disarrossante, mentre utilizzato in percentuali più alte ha una funzione cicatrizzante, antiage, esfoliante e rigenerante per le cellule.

L’allantoina non è termolabile e non ha grossi problemi di pH, in quanto rimane stabile in un range che varia tra 4 e 8.

Allantoina come si usa

L’allantoina può essere sciolta o dispersa.

Allantoina come si scioglie

L’allantoina si scioglie alla temperatura di 25° in acqua fredda allo 0,5%, a 20° invece se ne scioglie lo 0,4 , mentre in acqua caldissima possiamo scioglierne fino al 4%. Lo scioglimento in acqua calda è però del tutto inutile ai fini della produzione cosmetica, perché – anche nel caso in cui dovessimo riscaldare per sciogliere una maggiore quantità – quando andiamo a raffreddare il preparato, l’allantoina disciolta precipita cristallizzandosi e formando piccoli cristalli filamentosi, come aghi. Conviene quindi evitare di sciogliere una quantità superiore a quella che può essere sciolta a temperatura ambiente nella quantità di acqua disponibile nel preparato, perché questi microaghi potrebbero aggredire la pelle e fare più male che bene.

L’allantoina inoltre non si scioglie in olio o esteri, quindi, quando facciamo una crema, occorre eliminare dal totale in cui l’allantoina può disperdersi, la percentuale di oli inserita. Per questo spesso qui sul blog e in altri blog e forum vedete che l’allantoina è utilizzata allo 0,35%, perché facendo i calcoli alla fine si trova che questo 0,35 corrisponde allo 0,5% della fase acquosa.

Altri solventi dell’allantoina con i quali è possibile sciogliere quantità superiori allo 0,5% sono betaina (trimetilglicina) e urea. Quindi, nel caso in cui sia necessario realizzare prodotti cheratolitici o cicatrizzanti possiamo avvalerci dell’aiuto di una di queste due sostanze.

Allantoina come si disperde in fase C (fase a freddo di una crema, post emulsione)

Nelle vecchie formule eravamo solite disperdere l’allantoina in C. Normalmente l’allantoina veniva aggiunta al gel di sodio ialuronato a freddo e miscelata fino a quando non era più visibile nessun granello.

L’idea era che, dopo la dispersione, quando l’allantoina si fosse andata a miscelare a tutta l’acqua presente in formula si sarebbe comunque sciolta a temperatura ambiente, ma senza il rischio che il residuo formasse aghi dovuti al raffreddamento e alla conseguente formazione di cristalli.

Leggi anche: Lista di materie prime da comprare al primo ordine

 

4 pensieri riguardo “Allantoina: cos’è e come usarla nei cosmetici fai da te

  • 25 ottobre 2017 in 21:23
    Permalink

    Tutto ciò che non sapevo dell’allantoina… tranne la parte delle vecchie formule 😉
    Metto tra i preferiti. Grazie mille!

    Risposta
    • 25 ottobre 2017 in 23:12
      Permalink

      ma grazie a te per essere passata e per il feedback!

  • 5 marzo 2018 in 14:20
    Permalink

    Buongiorno Khadi. Grazie per l’approfondimento su allantoina; a questo proposito, ti chiedo un’ulteriore informazione in base alla tua esperienza, e cioè: ti risulta che la polvere si sciolga bene nel gel di Sodio Ialuronato e nel Pantenolo al 75%? Così come il versarla dentro le proteine idrolizzate di qualsiasi tipo (grano, seta, ecc..)?
    Ti ringrazio in anticipo della tua disponibilità, Khadi. Magari dipanerai i miei piccoli dubbi…

    Con affetto,

    Hetaera

    Risposta
    • 7 marzo 2018 in 18:06
      Permalink

      Ciao Hetaera, non sei l’unica ad avere questo tipo di dubbi : )
      Il problema è che l’allantoina nel sodio ialuronato o nel pantenolo non si scioglie, ma si disperde e basta. Con la dispersione evitiamo la cristallizzazione, ma cosa succeda poi a livello di assorbimento cutaneo non l’ho capito. Cioè quello che ancora mi sfugge è se poi l’allantoina dispersa mantiene tutte le sue proprietà per la pelle o no.
      Personalmente, da quando qualche anno fa è iniziata la discussione su sciogliere o disperdere l’allantoina, per sicurezza la uso sempre sciolta in fase A, perché facendo così è sicuro che funge e non cristallizza. Nel post ho voluto indicare entrambe le teorie, senza spingermi troppo perché purtroppo per poter dire la mia con una certa sicurezza mi mancano alcuni elementi.
      A presto Hetaera, un abbraccio e grazie di essere passata : )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: