Le motivazioni di un bio beauty blog

Share

Oggi ho deciso di raccontarti un po’ le motivazioni del mio bio beauty blog.

Spero ti faccia piacere sapere qualcosa in più su di me e sul blog. Magari poi vorrai raccontarmi qualcosa in più su di te : )

 

Dietro le quinte di un bio beauty blog

Dietro le quinte di un bio beauty blog, così come dietro qualsiasi altro blog, ci sono tantissime cose.
Nel mio caso troppi interessi, troppe passioni che non riesco a contenere e una quotidianità molto tranquilla, ma fatta di un sacco di cose diverse tra loro.

Ne ho parlato tempo fa in un post di facebook in cui ho chiesto consiglio alle mie amiche, che mi hanno dato dritte davvero meravigliose. Puoi leggerle qui:

Gli ultimi tre semestri di bio beauty blog

Gli ultimi tre semestri di bio beauty blog sono stati, in 8 anni, il periodo più lungo che sono riuscita a passare in compagnia di questo blog.

Tre semestri dietro a un blog sono un sacco di tempo. Sono tantissime ore passate a scrivere, modificare foto, sistemare formati di testo, leggere e rileggere i propri post, leggere post di altri, ispirarsi, condividere, scrivere mail, ricevere mail, socializzare e sognare qualcosa che non si sa esattamente cosa sia.

Ad un certo punto occorre fermarsi e fare un bilancio ed è quello che ho cercato di fare nei mesi scorsi. Infatti mi sono fermata.

 

Perché ho un blog? (cioè… chi me lo fa fare?)

Veramente la domanda dovrebbe essere: Perché ho tanti blog e continuo ad aprirne sempre di nuovi?

La risposta è semplice. Perché bloggare è terapeutico e a me questa terapia serve un sacco.

Se sei blogger anche tu, so che mi capisci. Se non sei ancora blogger, sono sicura che hai anche tu qualcosa che, quando la fai, ti rimette in sesto. Magari è spignattare?

Ho aperto SonoBio per raccontare le mie prime scoperte nel campo delle cure naturali e per pubblicizzare i prodotti naturali che vendeva una mia amica, ma poi ho scoperto la cosmesi fai da te, mentre nel frattempo iniziavo a fare il pane in casa, scoprivo come fare il leben e il burro, m’incuriosivo sulle tecniche per fare i formaggi.

E così l’autoproduzione è diventata una sfida.

Una sfida con me stessa, perché io non sono mai stata una molto brava a spadellare e smanettare in cucina, ma volevo cambiare, volevo un’altro stile di vita, una seconda possibilità, uscire dalla mia zona di comfort e andare avanti, non farmi bloccare da quello che mi stava succedendo intorno.

Volevo una nuova vita e buttarmi dietro tutto il resto.

 

Reinventarti, mentre tutto attorno crolla

Era il 2010 e come architetto avevo sempre meno lavoro.

Avevo lasciato la mia città e pian piano si esaurivano anche gli incarichi presi prima di partire.

Avevo mollato un lavoro che mi piaceva e me ne ero andata, scegliendo la libertà di essere ciò che sono, senza condizionamenti.

Poi ho indossato un velo e la mia vita è cambiata radicalmente. E ho scoperto che il razzismo esiste davvero.

Nel frattempo mi ero fatta fare un sito professionale attraverso il quale mi occupavo di detrazioni energetiche per ristrutturazioni edilizie, avevo deciso di portare online il negozio di prodotti naturali della mia amica, ero piena di idee, ma nessuna competenza a parte un sacco di anni di blogging amatoriale, per questo creare un blog è stata la prima cosa che ho fatto.

E, mentre tutto attorno crollava, io iniziavo un’altra vita, imparavo la cosmesi fai da te, studiavo web marketing, arabo e Corano, mi davo al blogging, imparavo cose, diventavo di nuovo mamma, allattavo, modificavo il mio stile di vita e vedevo infinite nuove possibilità, al posto di vedere che non avevo più incarichi e che quelli che avrebbero dovuto aprire un futuro professionale diverso non andavano in porto.

Capita a tutti di trovarsi in situazioni difficili: perdi il lavoro, oppure gli affari iniziano ad andar male, ti trovi in un posto in cui non stai bene e vuoi andartene ma non puoi, un progetto non decolla, provi con un altro e non va e provi ancora ma niente…

La cosa più facile è deprimersi, buttarsi giù e vedere nero. Ma ci sono sempre due strade, c’è sempre una seconda possibilità… Allah non ci lascia mai senza speranza. Basta fermarsi un attimo, cambiare ottica e vedere tutto sotto un’altra luce.

La mia seconda possibilità è stata proprio questa nuova sfida: l’autoproduzione, la casalinghitudine, la cosmesi, il blogging, la rete, lo studio costante di mille cose diverse, il conoscere nuove realtà, donne di tutto il mondo, con una mentalità completamente diversa dalla nostra, donne che danno un grande valore al lavoro che si fa in casa, con le mani, metri di misura diversi da quelli che ci sono stati inculcati, ottiche differenti.

Così pian piano sono rinata. Le priorità sono cambiate e sono cambiati anche i valori.

Quello che una volta era importante è diventato inutile, quello che una volta era incomprensibile è diventato “vita”.

Mi sono costruita una nuova me, una donna felice che non aveva nulla da rimpiangere o recriminare, una donna con mille futuri possibili e troppe cose ancora da imparare. Ti ci ritrovi?

 

Le motivazioni di un bio beauty blog

Perché la cosmesi?

Non sono una fissata della skin care, del make up e delle cure estetiche, anzi.

Non sono una beauty blogger.

Però quando ho scoperto la cosmesi fai da te, sono diventata una nerd dello spignatto. E un po’ lo sono ancora, anche se sto cercando di curarmi, ma non è facile : )

Faccio cosmetici perché voglio sperimentare le formule. Dovrebbe essere il contrario, lo so. Ma per me è così.

Sono molto più affascinata dalla teoria che dalla pratica, ma in questo campo la pratica è indispensabile per capire e verificare la teoria e, quindi, devo darmi da fare per forza.

Non sono di quelle che si rilassano spignattando, io mi rilasso più studiando schede tecniche e cercando di capire cose. E mi piace condividere quello che imparo. Ma questo, in tutti i campi : )

Mi piacciono le formule, gli INCI e tutte quelle poesie tecniche che costituiscono il dietro le quinte del prodotto cosmetico. E non ne ho mai abbastanza. Anche se spignatto pochissimo perché produco cosmetici solo per me e per mia figlia e i prodotti che faccio mi bastano per mesi, anche se non ho così tante formule da postare.

Però, lo ammetto, a volte perdo la bussola e mi chiedo se ha davvero senso continuare a dedicare tempo a condividere cosmetici.

Poi, però, ti arrivano messaggi come questo…

Le motivazioni di un blog

Chi scrive un blog non lo fa perché ha tempo e non sa cosa fare, spesso invece lo fa per affiancare altre persone ad avviare nella propria vita un cambiamento positivo, per condividere valori, per motivare, entusiasmare, ispirare e rendere la propria vita e quella degli altri migliore.

Che siano ricette, viaggi o racconti, un blog ben riuscito è sempre una bella terapia, sia per chi scrive che per chi legge. Una terapia che produce dei frutti e che – a un certo punto – ti permette di ottenere risultati che nemmeno immaginavi.

Ecco, questo è il blog che voglio scrivere. Quello che voglio darti.

E tu cosa ne pensi?
Dici che la terapia sta dando i suoi frutti, o no?

D’ora in poi nella newsletter periodicamente condividerò il #dietrolequinte del blog.

Se ti va di iscriverti, mi trovi qui!

30 pensieri riguardo “Le motivazioni di un bio beauty blog

  • 2 luglio 2018 in 20:04
    Permalink

    Sono senza parole! Questo si che è un post che parla di se stessi! Questo si che è buttare via la maschera e mostrarsi. Chapeau per questo coraggio e veramente tanti complimenti per tutto. Per il coraggio, per la fede, per la caparbietà, per la tenacia e la forza!

    Risposta
    • 2 luglio 2018 in 20:07
      Permalink

      Che emozione Vittoria! Davvero grazie di cuore, mi viene da piangere : )

  • 2 luglio 2018 in 21:19
    Permalink

    Khadi grazie per questo post. Non è facile aprirsi come hai fatto tu, ma era quello che avevo bisogno di leggere in questo momento. Mi hai anche un po’ commossa a dire il vero. Ho una visione delle cose molto simile alla tua; le tue parole mi sono entrate dritte dritte dentro. Ho cambiato vita già due volte, ricominciando da zero in entrambi i casi e gli ostacoli non mancano. Ho mille interessi e se non mi esprimo implodo. Anch’io a volte mi chiedo perché ho un blog. Al di là delle ragioni razionali che ne hanno supportato la nascita (biglietto da visita per un’eventuale “carriera” da web writer e possibile mezzo di monetizzazione), l’unico vero motivo per cui lo porto avanti è che mi fa stare bene, è il mio salvagente; amo scrivere, condividere e conoscere persone che non potrei conoscere altrimenti. Strada facendo mi sono accorta che il blog sono io e io sono poco portata a fare discorsi di monetizzazione, numeri ecc., quindi non ci farò mai una lira e non mi importa, ma se dovesse morire, se ne andrebbe una parte di me. Un abbraccio.

    Risposta
    • 3 luglio 2018 in 19:04
      Permalink

      La cosa bella Katy, è che ogni volta che cambio vita, non so come il mio cambiamento si associa a un blog e siccome la mia vita è sempre piena di cambiamenti, alla fine, ecco che sono diventata affetta da blogmania e non riesco più a uscirne : D
      Abbraccio forte anche a te!

  • 2 luglio 2018 in 21:41
    Permalink

    Un po’ mi sono commossa, un po’ mi sono arrabbiata perché di post così ne vorrei leggere tanti!

    Risposta
    • 3 luglio 2018 in 17:03
      Permalink

      Uh Romi! E io che invece penso che troppe intimerie mielense potrebbero essere fuori luogo sul mio blog : )
      ..allora penso male! : D

  • 2 luglio 2018 in 21:45
    Permalink

    Scrivere su un blog è sempre qualcosa di intimo e personale per fare spiccare le proprie passioni.
    Questo è ancor più vero quando si tratta di bio beauty

    Risposta
    • 3 luglio 2018 in 17:11
      Permalink

      Beh, qui in più abbiamo anche l’elemento sostenibilità a piccoli passi e la voglia di cambiareil mondo, non solo per finalità ecologiche ma anche e soprattutto da un punto di vista di consapevolezza etica.

  • 2 luglio 2018 in 23:42
    Permalink

    È terapeutico! Hai trovato la giusta definizione. Per me che bloggo lo è. E come te, mi auguro che lo sia anche per chi mi legge.
    Mi ha fatto piacere conoscerti meglio, leggere il tuo blog ora sarà ancora più piacevole ☺️

    Risposta
    • 3 luglio 2018 in 17:05
      Permalink

      Devo ammettere Diana che la lettura dell’ultimo post che ho letto da te mi ha ispirata molto e mi ha dato modo di riflettere sul “mio” dietro le quinte ; )

  • 3 luglio 2018 in 14:31
    Permalink

    Ahhh che bel post! Pieno di te in ogni singola parola. Anche io non sono una fanatica della skin care e del make up, non sono una che si tira spesso, ma quel poco che compero voglio che sia il più naturale possibile.
    Per questa e altre ragioni anche io ho cominciato ad auto produrre i detersivi. Per il cibo già spignattavo parecchio per cui quello è un altro campo.
    Poi è bello imbattersi in questi blog, ti senti meno mosca bianca e anche meno sola.
    Attendo il prossimo articolo ora.

    Risposta
    • 3 luglio 2018 in 17:07
      Permalink

      Sììì, ho visto qualche tuo video sui detersivi e mi sono iscritta al canale. Priscilla, cambieremo il mondo e le nostre vite uno spruzzino alla volta ; )

  • 3 luglio 2018 in 14:43
    Permalink

    Grazie mille per la bellissima storia e il modo in cui racconti le tue passioni e il blogging. Anche io ho iniziato il mio blog in un momento in cui nulla era certo…ed hai ragione, è una bella terapia!

    Risposta
  • 3 luglio 2018 in 15:15
    Permalink

    Bellissime parole…hai ragione, curare un blog è davvero una terapia sui generis. Anche io ho aperto il mio in un momento in cui tutto era sottosopra. In bocca al lupo per il tuo viaggio!

    Risposta
  • 3 luglio 2018 in 19:01
    Permalink

    Ho letto con vero piacere la tua storia, scoprendo cose di te che non sapevo e che mi sono piaciute molto, sei una persona davvero ricca di cose da dire, di profondità e di argomenti.
    Per me la terapia più del blogging, è stato il lavoro manuale, la scoperta di una creatività artigianale che non credevo di possedere, e che mi ha fatta cambiare moltissimo come donna.

    Risposta
    • 3 luglio 2018 in 19:14
      Permalink

      Anche per me il cambiamento positivo si è avuto con la sfida dell’autoproduzione, mettere il gioco una creatività produttrice e una manualità che non avevo mai esercitato prima.
      In realtà nelle cose pratiche continuo a essere una schiappa, ma lo spirito nerd e lo studio degli ingredienti cosmetici alla fine ha compensato un po’ questo mio lato “strapigrissimo”, incentivandomi a sperimentare.
      E poi comunque alla fine ho avuto un sacco di soddisfazioni! Fare creme, cremine, saponi e pomate è sempre una bella sfida! Ma quello che mi riempie il cuore è la condivisione…

  • 3 luglio 2018 in 19:08
    Permalink

    Come ti capisco! Anch’io ho un blog che tratta la cura del corpo al naturale e proprio come te adoro sperimentare. Ho creato un blog, perché volevo condividere le mie conoscenze e anche per me è una sorta di terapia! Continua e porta avanti questo progetto se è quello che ti piace, proprio come farò io. Un bacione

    Risposta
  • 3 luglio 2018 in 21:08
    Permalink

    Proprio oggi parlavo con un’amica di cosa fare quando il mondo ti crolla addosso. Mi piace la tua caparbietà e la tua capacità di rimetterti in gioco e essere te stessa nonostante tutto. Grazie per avere condiviso con noi un post così personale.

    Risposta
    • 6 luglio 2018 in 22:54
      Permalink

      Ma grazie a te per questa riflessione così motivante!

  • 3 luglio 2018 in 21:32
    Permalink

    Devo farti i complimenti per il
    Modo in cui mi hai trasmesso le tue parole anche a me è successo di perdere tutto di toccare il fondo ma poi ho avuto la forza di rinascere e creare il mio blog di cucina siciliana e dolci mi ha fatto rinascere. Prima non avevo il tempo per cucinare adesso non compro quasi più nulla preparo biscotti torte, niente cibi pronti ecc.

    Risposta
    • 6 luglio 2018 in 22:54
      Permalink

      Hai un blog utilissimo e meraviglioso! davvero un bel modo di rinascere : )

  • 3 luglio 2018 in 22:02
    Permalink

    Leggo di un blog come stimolo alla rinascita!
    Ecco abbiamo entrambe un passato lavorativo e di formazione importante e poi il buio. Dopo il buio però ci si reinventa e sono felice di aver scoperto come ci sei riuscita, aggiungendo un tassello in più sulla tua storia che già ho avuto la fortuna di leggere in parte, in passato.
    Un abbraccio Khadi e non mollare/molliamo mai!

    Risposta
  • 3 luglio 2018 in 22:03
    Permalink

    Leggo di un blog come stimolo alla rinascita!
    Ecco abbiamo entrambe un passato lavorativo e di formazione importante e poi il buio. Dopo il buio però ci si reinventa e sono felice di aver scoperto come ci sei riuscita, aggiungendo un tassello in più sulla tua storia che già ho avuto la fortuna di leggere in parte, in passato.
    Un abbraccio Khadi e non mollare/molliamo mai!

    Risposta
    • 6 luglio 2018 in 22:52
      Permalink

      Non molliamo Francesca, certo!! <3

  • 4 luglio 2018 in 10:56
    Permalink

    Anche questo post è fonte di ispirazione…mi ha fatto riflettere su molte cose. E poi adoro le storie che raccontano il coraggio di un cambiamento di vita per finire ad inseguire le proprie passioni, come te. Brava!

    Risposta
    • 6 luglio 2018 in 22:52
      Permalink

      Ciao Greta! grazie di cuore!

  • 6 luglio 2018 in 13:57
    Permalink

    Grazie anche da parte mia! Ho imparato moltissimo da te e spesso mi ritrovo molto in ciò che scrivi!

    Risposta
    • 6 luglio 2018 in 22:50
      Permalink

      Ma grazie a te Eleonora! E’ sempre una grande emozione sapere che quello che condivido è utile e che la mia visione non è solo mia : )

  • 13 luglio 2018 in 15:21
    Permalink

    Ciao! Ti seguo da un po’ in maniera discontinua, principalmente mi arrivano gli aggiornamenti da fb. Apprezzo che le tue ricette siano semplici, rispetto a molte altre. Ho voluto ora sbirciare questo post, per capire le ragioni. Anni fa avevo avviato anche io un blog per parlare di autoproduzione, ero piuttosto fissata. Però il mio obiettivo era curare la pelle provando rimedi naturali, anche se il più delle volte peggioravo la situazione. Sono il tipo di persona a cui piace collaudare TUTTO, specie le cose che i più snobbano, convinti che servano chissà che competenze o investimenti di denaro per ottenere buoni risultati. Per altro, con i prodotti in commercio che ho acquistato molto raramente mi sono trovata bene. Finalmente quest’anno ho iniziato a approfondire lo studio della cosmesi e a comprare materie prime, adesso dovrei avere circa tutto il necessario per fare i principali prodotti. E nulla, trovo il tuo blog uno spazio ordinato dove cercare ricette, noto la cura che ci metti nel dare l’informazione più corretta e completa, correggendo magari vecchie ricette dopo prove di miglioramento. E’ piacevole leggerti, spulcerò il tuo blog più approfonditamente 🙂 buon proseguimento di vita ed attività! Sono sempre felice di leggere di persone che si reinventano e mettono in gioco, penso dovremmo farlo tutti :*

    Risposta
    • 14 luglio 2018 in 15:49
      Permalink

      Ciao Chiara, che piacere leggere il tuo racconto!
      Sono davvero contenta che vuoi riprendere con la cosmesi fai da te, per qualsiasi cosa sono qui!
      A presto!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: